Richiedi informazioni

Richiedi informazioni


  Dichiaro di aver preso visone delle condizioni sul trattamento dei dati personali ed esprimo il consenso a ricevere informazioni commerciali.

Messaggio inviato correttamente.

A breve verrà contattato.

Grazie.

Consiglio dei Ministri: Fattura elettronica dal 1/1/2019

Nel comunicato stampa nr. 23 del Consiglio di Ministri, di lunedì 15, emergono due notizie e una conferma

Pubblicato il 16/10/2018 in Alberghi Agenzie pratiche auto Aziende Negozi Agenzie di Viaggio Commercialisti Consulenti del Lavoro Amministratori di Immobili Autoscuole Centri Revisione Ristoranti
image

Ci siamo. Anche coloro che erano diffidenti e cauti sull'ipotesi dell'entrata in vigore della Fattura elettronica a partire dal 1° gennaio 2019, ora dovranno ricredersi e rassegnarsi.
La conferma dell'obbligo è arrivata questa mattina, martedì 16 ottobre, all'atto della pubblicazione del comunicato stampa del Consiglio dei Ministri nr. 23 (datato lunedì 15 ottobre).

Il Consiglio dei Ministri, su proposta del Presidente Giuseppe Conte e del Ministro dell’economia e delle finanze Giovanni Tria, ha approvato un decreto-legge che introduce disposizioni urgenti in materia fiscale.

Al punto nr. 4 si legge:

FATTURAZIONE ELETTRONICA – Si mantiene l’entrata in vigore dell’obbligo di fatturazione elettronica dal primo gennaio 2019, riducendo per i primi sei mesi le sanzioni previste per chi non riuscirà ad adeguare i propri sistemi informatici.

Al punto nr. 5, invece, alcune precisazioni:

SEMPLIFICAZIONE PER EMISSIONE FATTURE – Si dà la possibilità di emettere fatture entro 10 giorni dalla operazione alla quale si riferiscono. Inoltre, si prevede che le fatture debbano essere annotate nel registro entro il giorno 15 del mese successivo alla loro emissione. Sempre nell’ottica della semplificazione viene abrogato l’obbligo di registrazione progressiva degli acquisti.

Interessante anche quanto emerge dal punto nr. 6 del Comunicato stampa del Consiglio dei Ministri:

IVA - Si prevede che il pagamento dell’Iva slitti al momento in cui la fattura viene incassata.

Non è, quindi, più tempo di pensare alle proroghe. E per questo siamo pronti a mettervi a disposizione le soluzioni utili per affrontare con serenità questo adempimento.
E così, dal 1° gennaio 2019 potrete inviare e ricevere tutte le Fatture elettroniche che vorrete.

Consultate le nostre sezioni del sito con le nostre diverse soluzioni che siate un artigiano, un professionista, un'azienda, un commercialista o un centro contabile.

- Qui Fattura: l'applicazione per i professionisti che devono sostituire la carta con la nuova Fattura digitale

- Fatturazione elettronica per Aziende: per tutte le imprese italiane che hanno bisogno di software moderni e già adeguati alla nuova normativa

- Fatturazione elettronica di Studio: per tutti i CAF, i ragionieri contabili, i dottori commercialisti, i Centri elaborazione dati che debbono gestire, per conto dei clienti, migliaia di fatture.