Richiedi informazioni

Richiedi informazioni


  Dichiaro di aver preso visone delle condizioni sul trattamento dei dati personali ed esprimo il consenso a ricevere informazioni commerciali.

Messaggio inviato correttamente.

A breve verrà contattato.

Grazie.

Fattura Elettronica a un privato senza P.IVA

Sai come emettere una fattura elettronica ad un soggetto privo di Partita Iva? Scopri come fare >>

Pubblicato il 06/12/2018 in Aziende Negozi Commercialisti Consulenti del Lavoro Ristoranti
image

Sei un professionista: un avvocato, un geometra, un architetto, un ingegnere edile, uno psicologo, un fisioterapista o un artigiano: un idraulico, un elettricista, un muratore, un imbianchino, ferramenta etc…? Emetti fatture anche a privati senza Partita Iva? Lo sai che dal 1° gennaio 2019 dovrai emetterle  in formato elettronico anche a loro?

L’emissione della fattura elettronica ai privati avrà, quale differenza, che al posto della Partita Iva dovrà essere introdotto il Codice Fiscale.

Ciò permetterà di inviare la fattura in formato elettronico (file Xml) al Sistema d’Interscambio che andrà a depositarlo nel cassetto fiscale del destinatario e nell’area web “Fatture e Corrispettivi” di Agenzia delle Entrate.

Se il cliente, privo di Partita Iva, possedesse una mail Pec, indicandola nel file XML, consentirà allo SDI di consegnarla direttamente al destinatario. In questo caso il privato può anche rinunciare al ritiro del formato cartaceo o l’invio in formato analogico al proprio indirizzo di posta mail ordinaria.

Tecnicamente, nel caso di emissione di Fatture Elettroniche nei confronti di soggetti che sono consumatori finali, colui che emette la fattura deve compilare il campo “Codice destinatario” con codice convenzionale composto da nr. 7 zeri (ossia: 0000000) e nel campo “Codice Fiscale” il dato fornito dal cliente.

Se questi due campi non sono compilati in modo corretto o in uno dei due mancano le informazioni richieste, la fattura sarà scartata dallo SDI in quanto ritenuta incompleta di tutte le informazioni utili al corretto recapito.

C’è un aspetto in più che non va dimenticato.

Il prestatore dell’opera deve obbligatoriamente consegnare una copia analogica (ossia stampata o inviata via mail in formato .pdf) al cliente, salvo espressa rinuncia del destinatario, riportano la dicitura che trattasi di una copia in quanto l’originale è depositato presso l’ambiente web “Fatture e Corrispettivi”.

Qui Fattura è in grado di gestire l’emissione delle Fatture Elettroniche verso i privati senza Partita Iva e, nel contempo, è in grado di emettere una fattura analogica da consegnare in copia, a chi ha solo il Codice Fiscale, in formato cartaceo o in formato .pdf inviandola a mezzo e-mail.

Scopri tutte caratteristiche di Qui Fattura all’indirizzo: http://www.dylog.it/software/qui-fattura.