Richiedi informazioni

Richiedi informazioni


  Dichiaro di aver preso visone delle condizioni sul trattamento dei dati personali ed esprimo il consenso a ricevere informazioni commerciali.

Messaggio inviato correttamente.

A breve verrà contattato.

Grazie.

Fattura Elettronica: commercialista o Qui Fattura Pro?

Per gestire le Fatture Elettroniche milioni di Partite Iva stanno decidendo come agire: fare da soli (con Qui Fattura Pro) o chiedere il supporto del commercialista? A voi la scelta.

Pubblicato il 20/11/2018 in Alberghi Agenzie pratiche auto Aziende Negozi Agenzie di Viaggio Commercialisti Consulenti del Lavoro Amministratori di Immobili Autoscuole Ristoranti
image

Approfondisci l'argomento della Fatturazione Elettronica alle pagine:
 

- Qui Fattura: l'applicazione per i professionisti che devono sostituire la carta con la nuova Fattura digitale
 

- Fatturazione elettronica per Aziende: per tutte le imprese italiane che hanno bisogno di software moderni e già adeguati alla nuova normativa
 

- Fatturazione elettronica di Studio per commercialisti e consulenti contabili che vogliono gestire per conto dei clienti migliaia di fatture
 

Obbligo o opportunità? Spesa o investimento?

L’introduzione della Fatturazione Elettronica obbligatoria dal 1° gennaio 2019 per tutte le Partite Iva (e facoltativa per i soli regimi minimi e forfettari ed agricoli minori) è senza dubbio un costo ulteriore per migliaia d’imprese, professionisti, artigiani, start-up.
Una maggiore spesa a cui si aggiunge una complicazione tecnologica che non è, apparentemente, per nulla agganciata al business delle varie attività. Una imposizione normativa che non è stata studiata per favorire o stimolare lo sviluppo economico nazionale o per offrire una competitività dei nostri prodotti e servizi a livello internazionale.
L’intera procedura è stata pensata e strutturata dal legislatore con il solo scopo di contenere l’evasione fiscale. Ma siamo proprio sicuri che l’introduzione di questa disposizione sia solo, così come affermato da alcuni imprenditori, “una sventura inutile”?

 

Cosa cambierà dal 1° gennaio con l'entrata in vigore della Fattura Elettronica

Capiamo intanto cosa cambierà dal 31 dicembre 2018 al 1° gennaio 2019. Dopo lo stappo della bottiglia di spumante e lo scambio di auguri, qualsiasi fattura dovrà essere emessa digitalmente. Molti, oggi, pensano di emettere già fatture elettroniche per il solo fatto che invece di stamparle e recapitarle via posta o a mano le inviano via mail o via pec. Ma non è così: per emettere le fatture nel nuovo formato è necessario avere a disposizione un software in grado di generare il documento fiscale in formato particolare: l’Xml. Questo dovrà essere firmato digitalmente e dovrà essere inviato al Sistema di Interscambio dell’Agenzia delle Entrate.

 

Conservazione a norma dei file Xml della Fattura Elettronica

Il file dovrà poi essere conservato, a norma.
La conservazione è obbligatoria in quanto, trattandosi di documento digitale, dovrà essere reso disponibile nel medesimo formato in caso di eventuali accertamenti futuri. A questo punto, a seconda della dimensione dell’attività, gli scenari che si aprono sono tre, con costi e vantaggi diversi: affidarsi al portale gratuito dell’Agenzia delle Entrate; chiedere il supporto del proprio commercialista o fiscalista; prendere in esame una soluzione software in grado di gestire l’intero flusso (fatture emesse e fatture ricevute: i cosiddetti ciclo attivo e ciclo passivo). Il sito dell’Agenzia delle Entrate può far intravvedere l’ipotesi percorribile per piccole realtà. Ma la complessità e la lentezza dei procedimenti non la rendono praticabile. Affidarsi al proprio commercialista di fiducia, invece, è una scelta percorribile soprattutto per quei professionisti o artigiani che non hanno grandi volumi di fatture.

 

La soluzione web per gestire la Fattura Elettronica con l'aiuto del Commercialista

Gli Studi che adottano soluzioni Dylog Buffetti (le due aziende collaborano nell'ideazione e proposizione di soluzioni e servizi IT), per esempio, sono in grado di emettere e ricevere fatture elettroniche da e per i propri clienti. Ma c’è di più: le due aziende (la software house torinese e il celebre gruppo romano) hanno creato Qui Fattura. Una soluzione web che permette all’artigiano (idraulico, elettricista, impiantista), alla piccola impresa, al professionista (medico, fisioterapista, logopedista, psicologo, etc...) alla start-up di emettere fatture da mettere a disposizione del commercialista che poi si preoccuperà d’inviarle al Sistema d’Interscambio dell’Agenzia delle Entrate.

 

Qui Fattura la soluzione per gestire la Fattura Elettronica

 

Qui Fattura: la soluzione web per gestire la Fattura Elettronica in totale autonomia

Per chi volesse, invece, fare tutto da solo, la versione Pro di Qui Fattura garantisce anche la possibilità di spedire direttamente allo SDI senza l’intervento del proprio consulente.

Alcune delle caratteristiche principali di Qui Fattura Pro sono, per esempio:

  • Nessuna limitazione nell’utilizzo e nei volumi
  • Gestione Preventivi/Fatture
  • Invio fatture tramite e-mail ordinaria o PEC
  • Generazione file XML per la Fatturazione Elettronica PA/B2B/B2C
  • Rubrica / anagrafica contatti integrata
  • Possibilità di Inserimento costi / scadenzario
  • Precaricati su archivi di base
  • Cruscotto di sintesi: fatturato, incassi, andamenti, ecc.
  • Estrazione dati in formato TXT/Csv e invio al Commercialista
  • Importazione dati in formato TXT/Csv
  • App in abbinamento alla versione Web
  • Servizio di intermediazione con il Sistema d’Interscambio dell’Agenzia delle Entrate (SDI) senza limiti di documenti, con gestione delle notifiche e con firma digitale automatica già prevista senza ulteriori oneri.
  • Il servizio prevede anche la Conservazione a norma delle fatture senza limitazioni

 

E se Qui Fattura Pro non bastasse e ci fosse bisogno di un gestionale con una più ampia copertura funzionale? Le soluzioni Dylog sono già tutte pronte per gestire le Fatture Elettroniche

Per le aziende più strutturate, invece, Dylog mette a disposizione soluzioni software on-premises (installati su pc o su server), cloud, per gestire i cicli attivo e passivo della Fatturazione Elettronica. Ed è proprio l’utilizzo di programmi informatici che trasformano l’obbligo in opportunità e rendono il costo un investimento. Basti pensare che la gestione amministrativa dai preventivi, all’emissione bolle, DDT, fino alla riconciliazione documentale e bancaria, permettono alle aziende di risparmiare costi significati inerenti alla gestione degli ordini, dalla preventivazione all’evasione.

Dylog può vantare la più ampia offerta di soluzioni per settori merceologici:

Aziende
Commercialisti
Amministratori di Immobili
Consulenti del Lavoro
Agenzie di Viaggi
Hotel
Ristoranti
Negozi di abbigliamento, calzature e accessori
Autoscuole
Agenzie di Pratiche Auto


Benefici e opportunità di sviluppo correlati alla riduzione della spesa (legata, soprattutto, al minor tempo perso in procedure inutili) sono contenuti all’interno della Fatturazione Elettronica 2019.
Bisogna solo scegliere gli strumenti giusti per trasformare i costi in un’opportunità ed assumere un ruolo proattivo e non passivo.