Richiedi informazioni

Richiedi informazioni

Cliccando su "invia richiesta" confermo di aver preso visione delle condizioni di trattamento dei dati personali

Messaggio inviato correttamente.

A breve verrà contattato.

Grazie.

Industria 4.0: non perdere le agevolazioni fiscali

Il piano varato dal Governo garantisce vantaggi per chi acquista del software

Pubblicato il 18/04/2017 in Aziende
image

Il governo ha varato il piano INDUSTRIA 4.0.  E’ un progetto da 13 miliardi di euro dal 2017 al 2020 inserito dal governo all’interno della Legge di Stabilità 2017 per sostenere le aziende italiane che operano nell’ambito produttivo. La finalità più specifica è accelerare il processo di digitalizzazione e robotizzazione dei sistemi produttivi. 

Il piano prevede di sostenere le imprese attraverso un insieme di misure organiche e complementari, tra cui la concessione di incentivi fiscali, affinché attivino investimenti per l’innovazione e la competitività.

DI COSA SI TRATTA.  La legge di stabilità per il 2017 prevede una serie di misure in termini di incentivi fiscali ai fini di incentivare questi investimenti che possono essere riassunte come segue:

  • in beni materiali strumentali nuovi: proroga a tutto il 2017 del super ammortamento del 140%, Quindi maggiorazione del costo di acquisto di un bene strumentale nuovo del 40% ai fini della deduzione fiscale delle quote di ammortamento (sia imprese, sia professionisti);
  • in beni materiali strumentali nuovi ad alto contenuto tecnologico.  E’ previsto un iper ammortamento del 250%, (quindi + 150% del costo di acquisto ai fini della deduzione fiscale delle quote di ammortamento) Se il bene materiale proprio dell’iper ammortamento 250% è acquistato insieme al software embedded necessario al suo funzionamento, anche il software embedded fruisce dell’iper ammortamento 250%.
  • in beni immateriali (software, sistemi e system integration, piattaforme e applicazioni) E’ previsto un  super ammortamento del 140%, (quindi +40% del costo di acquisto ai fini della deduzione fiscale delle quote di ammortamento; i software rientranti nel super ammortamento 140% possono beneficiare di tale bonus a condizione che l’impresa usufruisca dell’iper ammortamento 250%, ma indipendentemente dal fatto che i software siano o meno specificamente riferibili al bene materiale agevolato con l’iper ammortamento.

Per le  L’iper ammortamento del 250% e  il super ammortamento del 140% la norma richiesta la presentazione di una specifica documentazione.

A CHI È DESTINATO. Possono beneficiare della misura del super e dell’iper ammortamento tutti i soggetti titolari di reddito d’impresa indipendentemente dalla natura giuridica, dalla dimensione aziendale e dal settore economico in cui operano. Limitatamente al super ammortamento sono inclusi anche gli esercenti arti e professioni.

DURATA E SCADENZA. Si applica a investimenti effettuati nel periodo che va dal 1° gennaio 2017 al 31 dicembre 2017, ovvero al 30 giugno 2018 a condizione che entro il 31 dicembre 2017 l’ordine sia stato accettato dal venditore e che l’impresa abbia versato un acconto pari ad almeno il 20%. Nel caso di beni realizzati in economia, la condizione relativa all’accettazione dell’ordine da parte del venditore non rileva ai fini dell’estensione del beneficio, è tuttavia necessario che entro il 31 dicembre 2017 risultino sostenuti costi pari almeno al 20 per cento dei costi complessivamente sostenuti nel periodo 1° gennaio 2017 – 30 giugno 2018.

LA PROPOSTA DYLOG. La nostra azienda ha una serie di soluzioni che potrebbero rientrare nelle agevolazioni. La invitiamo quindi a contattare sia il suo consulente per maggiori dettagli sulla norma e/o fare riferimento al suo commerciale di zona per ulteriori informazioni sulla nostra proposta Industria 4.0.

 

 

Tags: Aziende