.

Richiedi informazioni

Richiedi informazioni


  Dichiaro di aver preso visione delle condizioni sul trattamento dei dati personali ed esprimo il consenso a ricevere informazioni commerciali.

Messaggio inviato correttamente.

A breve verrà contattato.

Grazie.

Decreto sblocca cantieri: cosa cambia per l'amministratore

Le disposizioni in ambito condominiale contenute all'interno del decreto recentemente convertito in legge.

Pubblicato il 01/07/2019 in Amministratori di Immobili
image

Il decreto Sblocca cantieri è il provvedimento che introduce disposizioni urgenti volte a favorire la crescita economica e a dare impulso al sistema produttivo del Paese, mediante l’adozione di misure per la semplificazione del quadro normativo e amministrativo.

 

La legge 14 giugno 2019 n. 55 pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 17 giugno 2019 n. 140 contiene disposizioni specifiche per dare impulso ai lavori post sisma.  In particolare la nuova norma prevede che in deroga agli articoli 1120, 1121 e 1136 del Codice Civile gli interventi di recupero relativi ad un unico immobile composto da più unità immobiliari possono essere disposti dalla maggioranza dei condomini che comunque rappresenti almeno la metà del valore dell'edificio e gli interventi ivi previsti devono essere approvati con un numero di voti che rappresenti la maggioranza degli intervenuti e almeno un terzo del valore dell'edificio.

 

In definitiva, possano essere decisi con la sola maggioranza semplice, ovvero con il voto della maggior parte dei presenti in assemblea che rappresenti almeno un terzo dei millesimi totali (il cosiddetto "quorum deliberativo") a condizione che alla riunione abbia partecipato un numero di condomini che rappresentasse almeno la metà dei millesimi dell'edificio (il cosiddetto "quorum costitutivo").