.

Richiedi informazioni

Richiedi informazioni


  Dichiaro di aver preso visione delle condizioni sul trattamento dei dati personali ed esprimo il consenso a ricevere informazioni commerciali.

Messaggio inviato correttamente.

A breve verrà contattato.

Grazie.

Documento Unico di Circolazione e di proprietà: cos'è?

Il decreto del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti prevede l'introduzione di un Documento Unico di Circolazione e di Proprietà degli autoveicoli, motoveicoli e rimorchi.

Pubblicato il 08/05/2019 in Agenzie pratiche auto Autoscuole
image

Ai blocchi di partenza il Documento Unico del Veicolo: il Decreto Legislativo 98/2017 introduce una razionalizzazione dei processi di gestione dei dati di circolazione e di proprietà di autoveicoli, motoveicoli e rimorchi, finalizzata al rilascio di un documento unico. In questa norma si definisce che la carta di circolazione, redatta secondo le disposizioni contenute nella direttiva 29 aprile 1999, n. 1999/37/CE del Consiglio, costituisce il documento unico contenente i dati di circolazione e di proprietà degli autoveicoli, dei motoveicoli e dei rimorchi.

Vengono quindi integrate in un unico documento le informazioni che sono oggi riportate nella Carta di Circolazione (dati tecnici) e nel Certificato di proprietà (dati amministrativi).

Sono in via di definizione a cura del ministero dei Trasporti:

  • le modalità con cui questa carta di circolazione ampliata (Documento Unico) riporterà i dati relativi alla proprietà e alla situazione giuridico-patrimoniale del veicolo;
  • le procedure operative per il rilascio del documento unico.

Una prima circolare è già stata pubblicata dal Ministero delle Infrastruttura e dei Trasporti (Div. Generale Motorizzazione) in data 19 aprile e sono presentati i vari Step per poter arrivare all’emissione del Documento Unico prevista per il 1 gennaio 2020.

Un elemento importante da affrontare subito da parte degli studi di consulenza automobilistica è la gestione dematerializzata dei documenti delle pratiche. Infatti per l’emissione del documento unico è necessario il fascicolo, cioè la raccolta della documentazione necessaria all’espletamento della pratica, da inviare per via telematica. È importante quindi organizzarsi fin da subito con strumenti, software e sistemi interni per l’acquisizione da scanner dei documenti.

Dylog, come sempre, sta focalizzando tutta la propria attenzione per predisporre i software gestionali alla nuova operatività in base alle specifiche ad oggi pubblicate e per implementare poi tutte le funzioni utili ad automatizzare i futuri flussi dati relativi al documento unico.

Contatta subito il tuo commerciale di riferimento o compila il form per valutare senza impegno le nostre migliori soluzioni.